MI PIACEREBBE APRIRE UNA FINESTRA

CON IL MONDO DOVE DIALOGARE DI TUTTO E UN PO',

DELLE MIE PASSIONI,

DEI MIEI PROGETTI, DEI MIEI SOGNI,

E PERCHE' NO ANCHE DELLE MIE TRISTEZZE

giovedì 28 agosto 2008

DONNE CHE CORRONO COI LUPI (Clarissa Pinkola Estès)

Ho appena finito di leggere un libro che mi è piaciuto tantissimo.

DONNE CHE CORRONO COI LUPI (Clarissa Pinkola Estès)

La Donna Selvaggia, intesa come forza psichica potente, intistintuale e creatrice, lupa ferina e al contempo materna, ma soffocata da paure, insicurezze e stereotipi è la straordinaria intuizione che ha fondato una psicanalisi del femminile. E ha cambiato la vita di moltissime persone. Non meno originale è il metodo utilizzato dalla studiosa che, attraverso un lavoro di ricerca ventennale, ha attinto alle fiabe e ai miti presenti nelle più diverse tradizioni culturali per aiutare il lettore a scoprire chi è veramente, a liberarsi dalle catene di un’esistenza non conforme ai bisogni più autentici e a “correre” con il proprio Sé.

Ecco vi alcune frasi tratte dal libro:

“Ci siamo lasciate crescere i capelli e li abbiamo usati per nascondere i sentimenti”

“Ovunque e sempre l’ombra che ci trotterella dietro va a quattro zampe.”



“I territori spirituali della Donna Selvaggia, nel corso della storia, sono stati spogliati e bruciati, i cicli naturali costretti a diventare innaturali per compiacere gli altri.”

“Alle sedie e ai tavoli preferivo la terra, gl’alberi e le caverne, perché la sentivo di potermi appoggiare alla guancia di Dio”

“Ho avuto la fortuna di crescere nella Natura. Dai fulmini seppi della subitaneità della morte e dell’evanescenza della vita. Le figliate dei topolini mostravano che la morte era raddolcita da una nuova vita. Una lupa uccise un suo cucciolo ferito a morte; insegnò la compassione dura, e la necessità di permettere alla morte di andare al morente. I bruchi pelosi che cadevano da gl’alberi e faticosamente risalivano m’insegnarono la determinazione. Dal loro solletico, quando mi passeggiavano sul braccio, imparai come la pelle può risvegliarsi e sentirsi viva.”

“La lingua della narrazione e della poesia è formidabile sorella del linguaggio dei sogni.”

“la loba canta così profondamente che il fondo del deserto si scuote, e mentre lei canta il lupo apre gl’occhi”

“Tutte le creature della terra tornano a casa. Abbiamo creato rifugi naturali per ibis, pellicani, aironi, lupi, gru, cervi, topi, alci e orsi, e stranamente non per noi stessi nei luoghi in cui viviamo giorno dopo giorno.”

“Tutte entriamo nel mondo per danzare “

Ne vorrei scrivere molte altre ma non finirei più, sono troppe e non so scegliere,

Vorrei però consigliare questo libro a tutti donne e uomini indifferentemente, perché è un bellissimo viaggio, con il nostro dentro quello che troppe volte non conosciamo o ci siamo dimenticati che cammina al nostro fianco.

Titti

lunedì 25 agosto 2008

martedì 19 agosto 2008

Come trovare la giusta energia


Quante volte vi è capitato di dire:

”Oggi mi sento le batterie a terra e avrei bisogno di una carica “?

Oppure avete avvertito che un determinato luogo sprigiona energie positive o negative?
Se pensate che siano sensazioni casuali, preparatevi a ricredervi.
Secondo l’antica sapienza della medicina orientale,
il corpo umano come quello di tutti gli esseri viventi sì “nutre d’energia”.
Ossia di una linfa vitale che attraversa l’organismo da capo a piedi e regola
il funzionamento d’ogni organo e d’ogni cellula.
Questo flusso è strettamente influenzabile dagli stimoli e delle vibrazioni
che provengono dall’esterno. Se la linfa vitale circola liberamente e
riesce a raggiungere ogni parte del corpo, si ha la situazione d’equilibrio energetico,
che porta benessere
e serenità. Quando il flusso s’interrompe o è ostacolato, possono sorgere disagi
a livello fisico e psicologico. Secondo la concezione olistica
(che considera lo stretto rapporto corpo-mente), infatti, il fisico e la psiche sono
strettamente legati e se si verifica
uno squilibrio in uno dei due ambiti, questi va ad influenzare negativamente anche l’altro.
La situazione energetica è controllata dai sette chakra,
ossia centri d’energia, che governa la circolazione del flusso attraverso i meridiani o canali energetici.
Oggi sono sempre più numerosi i medici e i naturopati che studiano tutto questo.
Questi esperti, attraverso specifici test, verificano se la persona è “attraversata “
da un eccesso d’energie o ha una carenza.
Di seguito troverete tutti i fattori che rischiano di compromettere il vostro equilibrio,
un test per individuarli e consigli pratici per….Neutralizzarli e ritornare in forma.

Alla nascita, ognuno di noi ha un perfetto equilibrio energetico. Poi i fattori esterni,
le esperienze di vita o perfino il cibo inizia a minare quest’equilibrio, arrivando,
a volte a comprometterlo e a generare “ingorghi” d’energia o improvvisi cali.
Tutto ciò si ripercuote sulla salute e sul benessere psicoemotivo. Com’evitarlo?
Impariamo a riconoscerlo e ad affrontare o i principali nemici del nostro equilibrio.
Se i traumi improvvisi non possiamo evitarli, altri fattori si possono controllare e
con un pizzico d’attenzione, posso essere ridimensionati o persino eliminati.

Alimentazione

Il cibo è il nutrimento per il nostro corpo, cioè la principale fonte d’energia.
Se questo rifornimento viene fatto in modo scorretto, eccessivo,
o in ogni modo non uniforme,
si rischia di compromettere l’intero sistema.

In pratica: fate una prima colazione sostanziosa per incominciare alla giornata
con una buona scorta d’energia. Ritagliatevi sempre una pausa per il pranzo.
Mangiate con calma,
assaporando il gusto, l’aroma e anche il colore dei cibi.
Variate il più possibile gli alimenti nell’arco della giornata. Infatti,
cosi riuscirete a bilanciare i cibi e ad evitare fastidiose intolleranze alimentari.

Stress

Un altro fattore che è alla base degli squilibri energetici è lo stress,
cioè uno stato di sovvraffaticamento mentale e fisico.
Il continuo stato di tensione si ripercuote, infatti,
sulle cellule del corpo, facendo accumulare tossine e modificandone la loro frequenza
energetica. I ritmi accelerati della vita odierna ci sottopongono spesso a stati di tensione e sovraffaticamento.L’importante, allora, è saper riconoscere
la situazione e cercare di contrastarla con tecniche di rilassamento e
di purificazione energetica.

In pratica: respirazione nutre il corpo come il cibo. Infatti,
gli fornisce la vera linfa vitale, cioè l’ossigeno. Le tensioni e
lo stress si ripercuotono spesso su questa funzione primaria,
contraendo i muscoli e creando blocchi che ostacolano la libera circolazione dell’aria. Per eliminare questi inconvenienti dovete imparare a respirare a fondo, rilassando i muscoli.
Esercizi distendetevi supine, inspirate forte e concentratevi sul flusso d’aria
che entra nel vostro corpo, cercando di spingerlo fino in fondo, gonfiando la pancia.Poi buttate fuori l’aria, espirando profondamente, contraete all’interno i muscoli dell’addome.Vedrete che gl’atti respiratori diventeranno sempre più lenti e avvertirete una sensazione di calore Aumentando la massa d’ossigeno che entra nel corpo, aumenta anche la combustione, che sprigiona nuovo calore.

Emozioni

Un trauma, un forte dolore, un’emozione intensa e inattesa possono causare
uno shock a livello energetico. Le emozioni forti, infatti, si ripercuotono
sull’organismo, a livello strettamente fisico, provocando tensioni blocchi e
contratture che a lungo andare ostacolano il flusso dell’energia vitale.
Il trauma e il dolore sono fattori che possono creare un vero e proprio black out,
assorbendo carica vitale e provocando una situazione di carenza d’energia.Non a caso,
dopo una forte emozione o un grosso dispiacere, ci si sente sfiniti, giù di tono come dopo
aver compiuto uno sforzo fisico.
In questo caso, soprattutto i rimedi più adatti a ristabilire l’equilibrio
energetico vengono dalla natura e, in particolare fiori e piante.

In pratica: omeopatia tra i vari rimedi il più indicato è l’arnica, preziosa per lenire
i traumi fisici, per influenzare positivamente la mente e sanare le sofferenze
emotive e le ferite dell’anima.

Fiori di Bach Chi non li conosce, ormai? Ebbene,
le essenze tratte dalle piante ed elaborate, nell’ottocento, dal medico Edward Bach,
sono veri e propri elisir energetici.

Visualizzazione: quest’esercizio serve per riacquistare calma e serenità.
Sedute comodamente, ad occhi chiusi, concentratevi sul ritmo del respiro.
Immaginatevi una sera di color oro o verde sospesa sopra al vostro capo. Poi lentamente, visualizzatela mentre entra nel vostro corpo e lo percorre fino ai piedi, inondandovi di luce. Seguitela idealmente mentre “spazza via “ ogni tensione.

Ambiente

Ultimo ma importantissimo fattore che può influire negativamente sull’equilibrio
bioenergetico è l’ambiente che vi circonda.In ogni momento e in ogni luogo,
il nostro organismo è immerso in una serie di campi magnetici e sottoposto ad una varietà di stimoli elettronici. Se questi sono troppo intensi o l’esposizione è prolungata, gli effetti posso ripercuotersi sulla situazione energetica e quindi sul benessere.
Gli stimoli possono essere di due tipi: geopatogeni, cioè legati a fenomeni del mondo fisico,
oppure artificiali,
provocati da apparecchiature elettrodomestiche e ripetitori (eletrosmog).
Tra quelli naturali, spiccano i cosi detti nodi di Harttman. Secondo questo studioso,
la terra è avvolta da un labirinto formato da maglie di 21 cm di diametro, che trasportano onde elettromagnetiche. I punti su cui s’incontrano questi flussi, detti appunti nodi, emettono una forte carica elettromagnetica, che a lungo andare può essere dannosa per l’uomo.
Anche la vicinanza di falde acquifere può essere dannosa, perché l’acqua
scorrendo su particolari metalli emette radiazioni ..
L’elettrosmog invece è provocato dai campi magnetici rilasciati da computer, elettrodomestici, antenne, ripetitori e cavi dell’alta tensione. Eliminare del tutto questi stimoli è impossibile.
Ecco però come neutralizzarli.

In pratica: provate ad individuare i “nodi “ nell’ambiente in cui vivete con questo rudimentale strumento ma efficiente.Prendete un filo di ferro spesso 3/4 millimetri, piegato a forma di Omega greca, cioè a semicerchio aperto per dieci centimetri. Piegate le due estremità verso l’esterno in modo da costituire due basi. Poi appoggiate sui due palmi delle mani, tenendo l’antenna in equilibrio. Muovetevi adagio per la stanza: quando l’antenna si mette a oscillare avrete individuato un nudo di Harttman o una “perturbazione “elettromagnetica. Evitate di tenere in camera apparecchi che possono creare un campo elettromagnetico,
come televisori e computer e, sul comodino, il cellulare: il sonno è il momento in cui si è più sensibili alle “onde”.
Per questo motivo, provate a cambiare la posizione del letto se faticate a addormentarvi o vi svegliate male; magari era posizionato un nodo o una falda acquifera. Osservate le mosse del gatto, se l’avete, e poi fate il contrario. Questi animali, infatti, amano sistemarsi e dormire nei punti in cui si concentrano forti campi elettromagnetici.

Test “come stai”

Scoprilo con il cek up del colore

Vuoi scoprire qual è la tua situazione energetica in questo momento?
Osserva con attenzione i sette colori nel riquadro. E scegli, senza pensarci troppo,
quello che ti attrae di più. Attenzione in assoluto quello che ti attrae attualmente.
Secondo la medicina orientale, infatti,
il flusso d’energia all’interno del corpo è regolato dai sette chakra.
E ognuno di loro corrisponde una particolare vibrazione, che può modificarsi in caso d’eccesso o carenza d’energia. Questa frequenza è simile alle vibrazioni emesse dai colori dell’arcobaleno.
In pratica, cioè ogni chakra è in sintonia con una delle sette sfumature.
In genere se uno dei chakra è appesantito o scaricato ha “sete” di vibrazioni a lui affini, che possono cioè aiutarlo a ritrovare l’equilibrio. Scegliendo un determinato colore, quindi, puoi intuire eventuali punti deboli. Poi prova indossare quel colore o, comunque, a circondartene:
ti sentirai subito meglio!.


Rossocorrisponde al primo chakra (posto all’altezza dell’inguine) . Sul piano psicologico regola il rapporto con la materialità e con la natura.
A livello fisico presiede l’intestino e al colon.

Corpo Soffrii di disturbi intestinali, colon irritabile, stipsi, gastriti anche sinusiti
(sono sullo stesso meridiano energetico).

Mente Attraversi di instabilità e insicurezza; probabilmente hai problemi che riguardano l’organizzazione della vita quotidiana e la gestione dei suoi aspetti pratici.
Sul lavoro o in casa devi occuparti di mille cose e fatichi a concentrarti. Ti senti svagata,
distratta, non riesci a tenere i piedi per terra.

Arancione Interessa il secondo chakra, posto due dita sopra l’ombelico. Influenza la sessualità, la vita di coppia e la fertilità; e a livello fisico governa la sfera genitale e la circolazione del sangue. Corpo potresti avere eccessi energetici nella milza.
Ed essere soggetta a disturbi circolatori, come flebopatie, caviglie
gonfie e gambe stanche. Attenta a infezioni genitali e mestruazioni dolorose.

Mente se ti attrae molto, puoi avere qualche problema o blocco nella sfera sessuale, che ha bisogno di una sferzata di energia. Oppure il tuo rapporto di copia è zoppicante e fa perso lo smalto dei primi tempi.

Giallo Presiede il terzo chakra, posto alla bocca dello stomaco e governa tutti gli organi collegati alla digestione .

Corpo I tuoi punti deboli sono lo stomaco, il fegato, la cistifellea .
Potresti soffrire di gastriti nervose,
Oppure in questo periodo hai esagerato con pranzi e cene .
Attenta a non tirare troppo la corda.

Mente se questo colore ti chiama , hai bisogno di tonificarti con la sferzata di energia. Probabilmente sei un tipo solare e vivace , ma stai attraversando un periodo
di stanchezza.
E cerchi un po’ di calore, di stimoli che ti aiutino a combattere la malinconia.

Verde Nella coloriterapia viene considerato neutro (né caldo ne freddo). Non a caso corrisponde al quarto chakra , posto tra i seni circa all’altezza del cuore.
Rappresenta l’equilibrio, la coscienza, la consapevolezza di sé. Fisicamente governa l’apparato respiratorio.

Corpo Attenta ai colpi d’aria e i raffreddori trascurati. Il tuo punto debole sono gola, bronchi e polmoni.

Mente Ti attrae questa tinta? I casi sono due: se l’hai scelta di colpo senza pensare ,
attraversi un momento di soddisfazione e serenità interiore. Se invece hai dovuto pensare qualche secondo prima di dare la risposta , probabilmente ti senti confusa,
combattuta tra forze opposte , in balia delle onde Potresti anche soffrire di gelosia o
di un’ansia di possesso che vorresti governare meglio.

Blu Il quinto chakra posto all’incirca all’altezza della gola, corrispondente al sistema nervoso ormonale.

Corpo Ti conviene tenere d’occhio il sistema endocrino, che potrebbe essere leggermente sbilanciato. I tuoi punti deboli, infatti sono tiroide, ovaie e pancreas .

Mente Il colore del cielo e del mare è il simbolo per eccellenza di relax, distensione,
spazi aperti e senza confini . Se hai voglia di fare un “tuffo” nel blu, probabilmente
sei stressata o pesa da troppi pensieri. Per una volta avresti bisogno
di staccare la spina e non pensare a niente.

Indaco Chiamato anche terzo occhio, questo chakra è posto
al centro della fronte, tra le sopraciglia. E presiede le attività tipiche della mente:
la conoscenza, l’intelletto e la memoria.

CorpoPuoi avere disturbi nero vegetativi, come insonnia, apatia e tensioni.Forse ti senti particolarmente nervosa e ansiosa o temi di aver esaurito ogni risorsa.

Mente Tu hai bisogno di questa sfumatura, attraversi un periodo di forte slancio creativo, ma non sei ancora sicura di poterle esprimere liberamente. Ti piacerebbe ampliare
la sfera delle tue conoscenze, ma temi di essere ancora troppo legata agli aspetti
materiali e alle esigenze della vita di ogni giorno.

Viola Corrisponde all’ultimo chakra, il più alto, posto alla sommità del capo, e rappresenta la spiritualità, la creatività, il senso artistico.

CorpoForse in questo periodo hai esagerato ….un po’ in tutto ! Con il cibo, l’alcol, il fumo.
Il tuo fisico potrebbe essere intossicato e ha bisogno di “purificarsi”.

Mente ti senti affine a questa sfumatura, sei caratterial mente un tipi spirituale
Ma , probabilmente, in questo particolare momento c’è
qualche ostacolo pratico che t’impedisce di prendere il volo.
Hai bisogno di sogni e di più stimoli.

lunedì 18 agosto 2008

Leggenda Sufi




“lo sceicco dell’ordine Khalvati a Istanbul, Sunbul Enfendi, cercava un successore. Inviò i suoi discepoli a raccogliere dei fiori per decorare il chiostro. Tutti ritornavano con dei grossi bouquet fatti dai fiori più belli; uno solo, Merkez Efendi, portò un fiorellino appassito.
Quando gli domandarono se non avesse trovato nulla di più degno per il suo maestro, egli rispose: Ho visto che tutti i fiori erano occupati a rendere Gloria a Dio.
Come avrei potuto disturbarli?
Uno solo aveva terminato le sue lodi e io l’ho raccolto”
Fu lui a succedere a Sunbul Enfendi. “
Leggenda Sufi

lunedì 4 agosto 2008

Il Pianeta dei Clown “Pach Adams”




Oggi vi vorrei parlare di una bell’iniziativa di cui sono venuta a conoscenza, si chiama
“il pianeta dei Clown” è un’associazione di volontari che operano negli ospedali, nelle case di riposo,
e praticano la “clownterapia” L’applicazione di un insieme di tecniche derivate dal circo e dal teatro di strada in situazione di disagio quali ospedali, case di riposo, case famiglia, orfanotrofi, centri diurni e centri d’accoglienza insomma portano allegria nei posti dove di solito non c’è.
Tutto nasce in America grazie a
Hunter “Patch” Adams è un medico statunitense noto per aver introdotto nella medicina una terapia “del sorriso” detta clownterapia. Laureatosi alle Gorge Washington university nel 1973,
è divenuto famoso in tutto il mondo grazie al film “Path Adams “, una sua biografia romanzata interpretata magistralmente da Robin Williams.
Secondo la sua filosofia, il vero scopo del medico non è curare le malattie, ma curare il malato.
Quest’idea cambia radicalmente la concezione più classica della medicina occidentale moderna rendendo la sua figura rivoluzionaria e decisamente contrapposta a quella delle case farmaceutiche.
Nel 1971 fonda il Gesundheit Institute nato da una proposta
del sistema sanitario che si pone come obiettivo il cambiamento della società.
In quest’ospedale da 40 posti letto le cure sono gratuite ed è qui che ebbe inizio l’applicazione della clowterapia inventata da Path Adams.
Negli anni passati il Gesundheit Institute ha predisposto la partenza di numerosi clown in zone di guerra come la Bosnia o nei campi profughi in Macedonia.
Mi sembra veramente una cosa bellissima, ma non sono la persona più adatta per spiegare una cosa così grande, il mio contributo è far conoscere questa splendida iniziativa a chi passerà dal mio blog ecco quindi l’indirizzo del sito www. Pianettadeiclown.it
Titti

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails